I-REACT alla Conferenza Mondiale sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite

14 novembre 2017

Oggi a Bonn (Germania), alla Conferenza Mondiale sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite (COP23) in programma presso il Padiglione UNESCO, viene presentato il progetto I-REACT - Improving Resilience to Emergencies through Advanced Cyber Technologies, la prima piattaforma in Europa per la gestione delle emergenze.

A causa del cambiamento climatico alluvioni, incendi e altri fenomeni estremi naturali stanno diventando sempre più frequenti e intensi. Questo scenario pone una grande sfida ai sistemi di gestione del rischio esistenti.

Durante la Conferenza vengono presentate le soluzioni tecnologiche di I-REACT come esempio di sistema tecnologico avanzato per prevenire i disastri naturali e migliorarne la gestione in fase di emergenza.

I-REACT è un progetto finanziato dall’ Unione Europea, coordinato da ISMB che vede coinvolto UNESCO come uno tra i principali partner. Per mitigare sempre di più l’impatto che i cambiamenti climatici hanno attraverso i disastri naturali, I-REACT punta a sviluppare una soluzione in grado di integrare tutta una serie di dati provenienti da diverse fonti.

Nello specifico, la soluzione tecnologica avanzata permetterà di integrare i dati provenienti dai modelli dei cambiamenti climatici, dai sistemi di monitoraggio europeo esistenti, dalle osservazioni satellitari, dalla storicità degli eventi e dalle previsioni metereologiche.

Il sistema prevede un’app mobile e un tool di analisi dei social media, l’utilizzo da parte degli operatori di soccorso di wearables per migliorare il rilevamento di posizione e di occhiali che, grazie alla realtà aumentata, permetteranno di inviare più facilmente report e di visualizzare meglio le informazioni di soccorso.