Presentazione dei risultati del progetto GHOST

2 febbraio 2017

Il 24-25 Gennaio, ad Atene (Grecia), si è tenuta la Final Review del progetto GHOST, meeting di conclusione del progetto in cui il consorzio ha presentato i risultati conseguiti nei due anni di lavoro (2015-2017) e le future implementazioni, anche alla luce del fatto che la soluzione GHOST è stata dichiarata da parte della GSA come esempio di prodotto "ready-to-market" durante la presentazione “Horizon 2020 Applications in Satellite Navigation 2017”. Il Consorzio sta ora lavorando alla creazione di un concreto Business Plan per sfruttare i risultati raggiunti nei mercati più promettenti.

In Europa, il numero delle Smart City si sta moltiplicando: per far fronte alle crescenti esigenze e garantire una pianificazione e una manutenzione efficiente dei comuni, la maggior parte delle città sta effettuando grandi investimenti in molte aree strategiche tra cui l'illuminazione stradale, la manutenzione stradale, il traffico e la gestione dei rifiuti. In parallelo, i sistemi di trasporto pubblico (ad esempio autobus e tram) sono in continua evoluzione in termini di copertura, comfort e tecnologia.
In questo contesto, l’utilizzo delle tecnologie E-GNSS e l'integrazione con sensori di vario tipo sono un elemento chiave per creare soluzioni concrete per le attuali e future città intelligenti portando, oltretutto, benefici sia per il pubblico che per il privato.

Per rispondere a queste esigenze, un consorzio composto da ISMB e dalle società Teletel e Irida Labs (Grecia), Bitgear e Arriva (Serbia), Bus Company (Italia) e Alpha Consult (Regno Unito), ha condotto un progetto “Location Service Based” (LBS) basandosi su Galileo, EGNOS e sull'elaborazione avanzata delle immagini della GSA (European Global Navigation Satellite Systems Agency) all’interno del programma Horizon2020. Il progetto GHOST (The Galileo Enhancement as Booster of the Smart Cities) si è posto come obiettivo quello di progettare, sviluppare e validare un sistema intelligente per veicoli che sfrutta le rotte del trasporto pubblico esistente per consentire lo sviluppo di nuove applicazioni multifunzionali. In particolare, il sistema è in grado di catturare automaticamente le immagini di Punti di Interesse (POIs) predefiniti posizionati lungo la rete del trasporto pubblico, basandosi sulla posizione esatta del veicolo in movimento.

Il concept di GHOST

Lo scopo del sistema è raccogliere e fornire informazioni di importante valore alle pubbliche amministrazioni. Inoltre, anche altri utenti finali potrebbero beneficiare dall'adozione della soluzione proposta, come ad esempio le società di gestione dei rifiuti o i dipartimenti della polizia stradale, solo per citarne alcuni.
Infatti, i principali servizi che GHOST si è prefisso di fornire, sono:
• la segnalazione di anomalie dell’illuminazione stradale e di deterioramenti stradali;
• il monitoraggio del livello di raccolta completo dei rifiuti pubblici;
• il rilevamento di infrazioni di parcheggi in doppia fila o di parcheggi per disabili occupati da veicoli non autorizzati.

La soluzione GHOST è utilizzabile anche dai cittadini attraverso un’applicazione mobile dedicata, scaricabile gratuitamente dai principali store. Tramite l’app e in maniera volontaria, i cittadini possono fornire il proprio contributo raccogliendo foto geolocalizzate tramite gli smartphone ogni qual volta individuino eventuali anomalie sulle infrastrutture della città. Questo impegno migliora il sistema nel suo complesso e dà un ruolo chiave alle persone, supportando non solo lo sviluppo di città intelligenti, ma anche la creazione di cittadini smart.

Risultati di GHOST e strade percorribili

Il progetto GHOST è iniziato a gennaio 2015 e fino ad oggi, il Consorzio ha raggiunto risultati significativi come ad esempio lo sviluppo di:
• un sistema integrato intelligente per i veicoli, basato su una fotocamera e un ricevitore satellitare GALILEO;
• un esempio di un sistema integrato intelligente implementabile in diversi casi d’uso;
• un'applicazione mobile;
• un database pubblico di misure GALILEO based a disposizione.

Arrivando alla fase finale del progetto, nel mese di novembre 2016 si è svolto a Belgrado (Serbia) un “Test Readiness Meeting” (TRM), un test di prova con una demo sul campo con l'utilizzo di un bus “adattato a GHOST”: i ventisei partecipanti hanno preso l’autobus lungo il suo percorso predefinito per circa 20 minuti, e tutti i partecipanti hanno assistito al rilevamento di otto punti di interesse (POIs) inerenti a diversi casi d'uso. Successivamente, è stata effettuata una demo sul campo dell’applicazione mobile sui POIs.

In caso di interesse verso la soluzione GHOST, per saperne di più è possibile seguire il sito ufficiale del progetto GHOST  o la pagina Twitter.